fbpx

📈Zucchero, spread trading e tanti profitti.📉

Zucchero e spread trading con Monica.

Fonte: Youtube

Ciao a tutti i creativi finanziari e bentornati sul nostro blog. 👋👋👋

Oggi vi proponiamo un interessante caso studio sulle materie prime della nuova coach sullo spread trading di Globance, Monica Zanettin (sulla pagina facebook di Globance trovate un suo video di presentazione e tra poco pubblicheremo un articolo-intervista su di lei).

In questa operazione, Monica effettua un acquisto e allo stesso tempo una vendita di futures sullo zucchero. 🤔

Su suggerimento di un software, Monica ha notato uno spread con una buona stagionalità passata nel mese di gennaio.

Lo zucchero, come tutte le materie prime, ha una stagionalità durante l’anno, cioè in certi momenti il prezzo sale o scende, in base alla forza della domanda o dell’offerta e questi dati sono raccolti, elaborati e pubblicati su alcuni software specializzati. 📈📉

Ah interessante. Quindi qualcuno mi dice che periodicamente alcuni contratti futures su una materia prima scendono o salgono? Esatto e questa conoscenza può permettere ad un vero creativo finanziario di trarne profitto. 💰

Analizzato lo spread e i fondamentali della materia prima sottostante (lo zucchero), decide di monitorarlo per cogliere il momento migliore per entrare e ottimizzare il prezzo di acquisto.

📈 Il segnale (doppio minimo) si è manifestato il giorno 25 gennaio al valore di usd 0.

L’operazione è andata avanti per alcuni giorni fino all’11 febbraio ad un valore di circa usd 15 e ottenendo per ogni contratto di spread 170$ di profitto.

Il profitto è determinato dalla differenza tra il prezzo di acquisto e di vendita (prezzo di vendita 15-0 prezzo di acquisto) moltiplicato per il moltiplicatore dello zucchero 1120$.

Lo spread era SBV2022-SBN2022, ossia: 🤔

  • ha comperato il contratto dello zucchero con scadenza ottobre.
  • e ha venduto il contratto dello zucchero di luglio.

E più nel dettaglio:

  • SB, significa che state guardando un contratto future con sottostante lo zucchero.
  • 22, intende l’anno di riferimento, ossia il 2022.

FATE MOLTA ATTENZIONE. Se avete capito bene, lo spread riportato rappresenta la DIFFERENZA tra due contratti: SBV2022-SBN2022.

Per esempio se in un certo giorno un contratto vale 1000 e l’altro vale 1100, sul grafico troverete -100.

Quindi, vedendo il grafico, questa differenza aumenta solitamente tra gennaio e febbraio, e come aumenta? In diversi modi: 📉 🤔

  • Un contratto sale e l’altro scende.
  • Entrambi i contratti scendono ma uno più dell’altro.
  • Entrambi i contratti salgono ma uno più dell’altro.

Sapendo questa regola, un creativo finanziario potrà tranquillamente comprare un contratto e vendere l’altro. In questo modo non solo riuscirà a sfruttare il rialzo o il ribasso dei prezzi a causa della stagionalità ma potrà anche gestire il rischio e controllarlo, dato che compra e vende lo stesso bene, se la previsione non dovesse avverarsi (per diversi motivi) avrà l’altro contratto che agirà automaticamente come copertura. 😉

Ovviamente dovrete studiare le giuste stagionalità, capire come ottimizzare i momenti di entrata e di uscita per aumentare i profitti e comprendere quali contratti vendere e quali comprare.

💪 Un altro punto molto importante che Monica sottolinea nel suo corso e nelle sue spiegazioni è il fatto che, nel momento in cui entrate in un’operazione su una determinata materia prima, dovete conoscere i fondamentali, ossia se in quel periodo dell’anno la domanda e l’offerta si stanno comportando nel modo corretto in relazione al trend di stagionalità considerata.

Beh, cosa ne dite? Pronti a seguire altri casi studio di Monica? Carichi per sfruttare le stagionalità delle materie prime come dei veri creativi finanziari? Scrivete nei commenti cosa ne pensate e se fate già spread trading sulle materie prime.

Buoni investimenti e alla prossima da Mattia Tasca 👋👋👋

Facebook
LinkedIn
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.