fbpx

📉 Soros e il suo libro n°1, “L’alchimia della finanza” 📚

Soros ha scritto diversi libri, in questo articolo vogliamo parlarvi di quello che risulta essere il suo libro più famoso, “L’alchimia della finanza”.

Ciao a tutti i creativi finanziari e buon inizio settimana. 👋👋👋

Oggi vi proponiamo un bellissimo articolo su un libro molto particolare, “L’alchimia della finanza” di George Soros”. 😉

Soros, che probabilmente molti di voi già conoscono, è uno degli speculatori più famosi al mondo. Con il suo Quantum Fund ha fatto la storia degli Hedge Fund. Costituito alla fine degli anni ’60 con un patrimonio di 4 milioni di $ è arrivato, nei decenni successivi, a generare profitti per oltre 40 miliardi di $. 💰

Soros viene considerato anche “l’uomo che ha distrutto la Banca d’Inghilterra” per le sue speculazioni sulla sterlina nel 1992. In quella operazione passò sulle prime pagine dei giornali finanziari per l’incredibile profitto che ottenne, 1 miliardo di $. 💰 💰 💰

Speculatore e gestore di hedge fund, Soros è stato nel corso del tempo anche un accanito studioso di filosofia. Laureato alla London School of Economics, studiò con il filosofo ed epistemologo austriaco Karl Popper.

Scrittore di diversi libri, in questo articolo vogliamo parlarvi di quello che risulta essere il suo libro più famoso, “L’alchimia della finanza”.

Questo libro è stato pubblicato per la prima volta nel 1987 ed è stato scritto nel corso degli anni ’80 e risulta essere letto dalla gran parte dei gestori di fondi e trader. 💪 😉

Il titolo è molto curioso, “alchimia della finanza”, qui l’autore cerca di far passare il concetto di come sui mercati siano nate una serie di teorie bizzarre e strane nel corso del tempo.

Il libro è diviso in 5 sezioni: 🤔

  1. La teoria. In questa prima sezione, Soros illustra il concetto di riflessività e fallibilità e le teorie filosofiche che l’hanno guidato nel corso del tempo. Successivamente analizza come ha applicato queste linee guida nel contesto del mercato azionario e valutario. Illustrando alcune operazioni da lui effettuate, come per esempio la bolla dei fondi immobiliari degli anni ’70.
  2. La prospettiva storica. Qui l’autore espone la sua visione del sistema economico presente in quel momento, sottolineando il sistema bancario, la sua evoluzione e il concetto di “Ciclo imperiale di Reagan”. 📈 📉
  3. L’esperimento in tempo reale. Questa sezione è forse la più interessante del libro. In questa parte del libro, Soros illustra il suo “diario di bordo” riguardo la gestione del suo fondo. Il periodo va dal 16 agosto 1985 al novembre 1986, in questo lasso di tempo il fondo gestito da Soros passò da 647 milioni a quasi 1,5 miliardi di $. Questa parte è stata scritta in modo dettagliato e permette al lettore di seguire l’operatività di Soros e del fondo vedendo il tipo di operazioni e i motivi per il quale sono state effettuate. 😉 💰
  4. Una valutazione. In questa parte del libro si effettua una valutazione della sezione precedente commentando i risultati ottenuti e come sia stato possibile testare sui mercati finanziari alcune teorie.
  5. Suggerimenti. George Soros conclude il libro con una serie di consigli che secondo lui sono idonei per cercare di gestire al meglio il sistema economico e finanziario.

Punti salienti che si possono trarre da questo scritto: 🤔

  • La distinzione tra scienze naturali e scienze sociali. Nella prima si può avere una valenza oggettiva, nelle scienze sociali no.
  • Il concetto di riflessività. Questo punto è molto complesso. Solitamente vediamo gli eventi come un susseguirsi di fatti e basta, in realtà non è così. I fatti sono determinati dal pensiero umano e quindi è il pensiero a determinare i fatti e la loro struttura. Soros sottolinea come siano presenti due fasi: cognitiva (cercare di comprendere il contesto) e manipolativa (cercare di intervenire per trarre un profitto). Queste due fasi agiscono in modo simultaneo e sono basate sugli errori di interpretazione e sulla razionalità limitata degli esseri umani, questa situazione porta ad una divergenza tra l’interpretazione e la realtà. 🤔
  • Il modello di Boom/Bust. Questo è il modello che Soros ha sviluppato per individuare bolle sui mercati secondo la visione della riflessività. Si precisa che, come dice lo stesso autore, questo modello non spiega tutti i momenti di crescita e crolli sui mercati.
  • La possibilità di sfruttare il mercato per testare ipotesi e teorie. 💰

Questo scritto non è per niente di facile lettura, anzi… è molto complesso e richiede un’attenzione e una rilettura di alcune parti. Personalmente ho letto il libro qualche anno fa e ho dovuto riprenderlo in mano e utilizzare altre fonti per comprendere meglio alcuni ragionamenti. Quindi armatevi di pazienza se volete addentrarvi nella lettura di questo libro (oppure potete leggere altri libri che analizzano le strategie di Soros, in particolare “I grandi investitori” di Arnold Glen, dove è presente un capitolo che riassume bene le teorie di Soros). 📚

Il libro è quasi introvabile in italiano, potete provare in qualche biblioteca oppure su qualche piattaforma di libri usati, mentre in inglese potete trovarlo tranquillamente.

Beh, cosa ne dite? Conoscevate già questo libro? Pronti ad imparare e riflettere sulla riflessività per i vostri investimenti? ✍ Scrivete nei commenti cosa ne pensate e se avete già avuto modo di leggere questo libro.

Buoni investimenti e alla prossima da Mattia Tasca 👋👋👋

Facebook
LinkedIn
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.