📈 COT: cosa è e come puoi farvi guadagnare? 📉

Cot, commodity e come sapere cosa stanno facendo i trader del mercato.

Fonte: https://www.cftc.gov/

Uno dei punti più cruciali per un trader è comprendere dove sta andando il mercato e che posizioni hanno i vari operatori.

E per farlo ci si basa su documenti e report che vengono rilasciati dai vari enti preposti. 😉

In questo blog ne abbiamo già citati alcuni ed in particolare esiste un report molto interessante che permette di avere una visione molto attenta del posizionamento sul mercato, sto parlando del COT. 🤔

Il COT (Commitments of Traders), nato il 30 giugno 1962, è un report rilasciato dal CFTC (Commodity Futures Trading Commission, ossia la commissione preposta alla sorveglianza dei mercati dei derivati americani) settimanalmente il venerdì sera e riporta le posizioni long e short per ogni materia prima.

🤔 Il report riporta le posizioni di acquisto e di vendita per ogni commodity e le varie posizioni vengono riportate per tipo di detentore:

  1. Producer/Merchant/Processor/User riassumibili come “Commercial”. Sono tutti gli operatori che operano utilizzando la merce fisica e aprono posizioni di copertura.
  2. Swap Dealers. Sono operatori che operano a scopo di copertura su operazioni swap.
  3. Managed Money. Sono investitori istituzionali che operano in ottica di investimento.
  4. Other Reportables. Sono gli operatori che non rientrano nelle altre tre categorie.

I soggetti sono tenuti a comunicare le loro posizioni solo nel momento in cui superano certi quantitativi (detto Reporting Level). 📈 📉

Per esempio, l’argento ha un limite di 150 contratti, questo significa che ogni operatore che compra o vende 100 o più contratti sull’argento è obbligato a comunicarlo al CFTC.

Per gli operatori che non superano i livelli di dichiarazione, il CFTC può tranquillamente ricavarne le posizioni dall’Open Interest e inserire questi quantitativi nell’ultima categoria.

Tutte queste informazioni vengono riportate in uno schema (IMMAGINE 1) suddivise in tre categorie:

  • Commercial. Sono i produttori, intermediari commerciali e utenti ossia tutti commercial più gli swap dealer.
  • Large Speculators. Sono i money managers.
  • Non Reportable. Sono tutti gli altri operatori che hanno posizioni non dichiarate ma calcolate tramite l’open interest.

Nell’immagine 1 potete vedere un esempio dello schema del COT rilasciato due settimane fa.

In questa tabella potete vedere come per categoria sono riportate le posizioni di acquisto e di vendita ed effettuare i cari calcoli per capire cosa risulta, per ogni operatore di mercato, una posizione rialzista o ribassista. 💰 💰 💰

Per esempio in questa tabella possiamo notare come:

  • Producer/Merchant/Processor/User riassumibili come “Commercial” detengono 158.150 contratti rialzisti (35.784+112.736+9.630) e 146.662 (116.943+20.089+9.630) contratti ribassisti. Quindi hanno una posizione rialzista di 11.488 contratti (158.150-146.662).
  • Large speculators detengono 181.337 (59.975+66.271+24.885+19.144) contratti rialzisti e 184.982 contratti ribassisti (72.875+15.630+66.271+19.144). Quindi detengono una posizione ribassista di 3645 contratti (181.337-184.982).
  • Non Reportable detengono 30.206 contratti rialzisti e 38.049 contratti ribassisti. Quindi detengono una posizione ribassista di 7843 contratti (30.206-38.049).

Come potete notare la somma di queste tre posizioni è uguale a zero (11.488-3.645-7.843). Questo è dato dal fatto che i contratti comprati e venduti sul mercato devono equilibrarsi (se qualcuno ha comprato qualcuno ha venduto). 📈 📉

🤔 Su internet trovate anche alcuni siti che vi riportano graficamente i dati del COT, come il seguente (barchart.com).

Ovviamente i dati presentati così non daranno un grandissimo aiuto ad un trader ma tenendo monitorato questo report sarà possibile vedere se: il mercato si sta surriscaldando, identificare in quale direzione si posizionano i trader più grossi ed essere consapevoli delle posizioni dei piccoli speculatori/trader. 🤑

📚 Se volete approfondire questo argomento vi suggerisco il libro di Carley Garner, “Higher Probability Commodity Trading” (abbiamo scritto una recensione a riguardo). 📚

Potete trovare il COT al seguente sito: https://www.cftc.gov/.

Ovviamente, potrete anche voi investire come Gabriele, vi consiglio di leggere il suo libro, “TIENITI STRETTO IL POSTO FISSO” o magari seguire il suo corso sulle materie prime “SEASON TIME”.

Beh, cosa ne dite? Pronti ad avventurarvi nei dati del COT? Pronti a cogliere le opportunità di trend che IL COT può suggerirvi? ✍Scrivete nei commenti cosa ne pensate e se operate già con le commodity. ✍

Buone letture e alla prossima da Mattia Tasca 👋👋👋

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *