Dall’abbandono ad una vita milionaria. Chi è Freddie Figgers?

Figger, l’uomo che partì con niente ed arrivò al successo.

Pochi di voi conosceranno Freddie Figgers e la sua storia.

Questa persona è l’esempio più folgorante del detto: “non è importante da dove parti ma dove vuoi arrivare”.

Freddie Figgers nasce il 26 settembre 1989, appena due giorni dopo, Figgers viene abbandonato dalla madre in un cassonetto dell’immondizia.

Trovato da alcuni passanti che lo portarono subito in ospedale e successivamente venne adottato da Nathan Figgers, un addetto alla manutenzione, e sua moglie Betty Mae, impiegata in un’azienda agricola.

Figgers e la sua famiglia si stabiliscono nel Quincy, in Florida; qui, conducono una vita abbastanza normale.

Freddie da bambino diventa oggetto di bullismo da parte di alcuni suoi compagni di scuola, definendolo Dumpster Baby (bambino cassonetto) oppure Trash boy (ragazzo spazzatura).

Sin da bambino, Figgers si interessa agli oggetti elettronici, impara a riparare alcuni piccoli apparecchi, come computer o radiosveglie.

Per la sua passione all’elettronica diventa il responsabile della manutenzione dei computer della scuola e per la sua bravura si fa notare addirittura dal sindaco della sua città, che decide di assumerlo per la gestione e la riparazione dei computer del municipio.

Già all’età di 15 anni decide di mettersi in affari, iniziando a riparare computer e altri apparecchi in un piccolo capanno nel suo giardino, successivamente inizia anche a gestire un servizio di cloud storage.

Avvia ad appena 16 anni la Figgers Communication e nel 2008 la Figgers Wireless, ottenendo la licenza per servizi internet nelle zone della Florida del nord e della Georgia del sud.

Nel 2011 diventa il più giovane operatore di telecomunicazioni degli Stati Uniti d’America.

Tutto questo lo porta ad abbandonare il college Florida Atlantic University per dedicarsi a tempo pieno alla sua attività.

Figgers cercava nel tempo, oltre a gestire e riparare apparecchi, di trovare soluzioni ai bisogni e ai problemi che i clienti o chi conosceva aveva. Per esempio, inventò un localizzatore GPs nelle scarpe, questo perché il suo padre adottivo si ammalò di Alzheimer oppure un indicatore di glucosio elettronico che mandava segnali ad un medico in caso di anomalie. Per questa ultima invenzione si ispirò ad un suo zio malato di diabete.

“Se vedi un problema, trova una soluzione che possa cambiare la vita della gente. Avrò un impatto su questo mondo e cambierò l’oggi per un domani migliore, perché i soldi non sono altro che uno strumento, ma con quello strumento possiamo fare la differenza e migliorare le vite delle persone “, ha dichiarato in un’intervista.

Sviluppa anche delle applicazioni che impediscono di inviare messaggi mentre si guida e una app che permette la ricarica wireless nel momento in cui si ci trova a 5 metri da un “super base charger”, un particolare caricatore wireless inconduttivo.

Queste invenzioni portano il nostro Figgers alla vendita nel 2014 i diritti di alcune sue invenzioni e incassare oltre 2,2 milioni di $ e, a partire dal 2018, Figgers Communications inizia a offrire servizi su tutto il territorio nazionale.

La società di Figgers si concentra anche sulla fornitura di carte di credito (Figgcash) e un comparto della sua attività, la Figgers Health, fornisce tecnologie per l’assistenza ai pazienti con problemi di salute cronici.

Oggi, la sua azienda, la Figger Communications, è valutata oltre 62 milioni di dollari.

Figgers si è sposato con un’avvocatessa di nome Natlie e hanno avuto 4 figli. Nel tempo libero si dedica completamente ad un’associazione per promuovere progetti sanitari ed educativi per i bambini e per le famiglie svantaggiate e allo stesso tempo segue un programma di promozione di borse di studio per le scuole superiori.

Questa storia è un esempio incredibile di come sia più importante il vostro scopo che il punto d’inizio. Potrete iniziare in pessime condizioni (come Freddie Frigger) e arrivare ad essere amministratori di una società milionaria un giorno, con la giusta perseveranza e passione.

Beh, cosa ne dite? Conoscevate questa incredibile storia? Condividete anche voi questo messaggio finale? Scrivete nei commenti cosa ne pensate.

Buoni investimenti e alla prossima da Mattia Tasca 👋👋👋

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *