🎉 🎉 🎉Tanti auguri Warren Buffett, 100 di questi giorni!!!🎉 🎉 🎉

Oggi Warren Buffett compie la bellezza di 91 anni.

Fonte: corriere.it

🎉 🎉 🎉 🥳 Oggi il mitico Warren Buffett compie la bellezza di 91 anni. 🥳 🎉 🎉 🎉

Buffett ormai è diventato una vera e propria leggenda nel mondo della finanza e il suo compleanno è diventato un momento di festeggiamenti persino per le emittenti televisive finanziarie.

Anche noi per festeggiare un uomo che è stato di ispirazione per moltissimi investitori vogliamo ricordare la sua incredibile vita in questo articolo.

Nato il 30 agosto del 1930 ad Omaha in Nebraska (18 giorni dopo un’altra grande leggenda della finanza, George Soros), secondo dei tre figli di Howard e Leila Buffett. Il padre è un analista per una società di Wall Street che, a causa della crisi del 1929, rimane senza lavoro. Successivamente Howard sarà per 4 legislature deputato al Congresso americano. 🗽

Buffett fin da piccolo mostra una straordinaria passione per i numeri e gli investimenti. Vorace lettore, all’età di 6 anni legge un libro che lo porterà sulla strada degli investimenti, “One Thousand Ways to Make $1000”.

In giovane età Buffett ha già effettuato diverse operazioni d’investimento, per ricordarne alcune:

  • All’età di 11 anni compra le sue prime azioni (3 azioni della Cities Service Preferred per 114,75$).
  • Avvia insieme ad un suo amico un‘attività di noleggio di flipper nei negozi da barbiere di Omaha.
  • All’età di 14 anni compra una fattoria e la dà in affitto.

Ma la vera svolta arriva all’età di 19 anni quando trova un libro appena pubblicato intitolato, “The Intelligent Investor” di Benjamin Graham (tradotto da Hoepli nel 2020 con il titolo “L’investitore Intelligente”). Come dirà più tardi lui stesso: “leggere questo libro è stato per me come uscire dalle caverne”.

Innamorato della strategia di Graham, decide di iscriversi all’università della Columbia University per seguire i corsi tenuti proprio da Benjamin Graham. 📚

Buffett diventa il primo della classe di Graham, diventando l’unico ad ottenere una votazione di A+. Finita l’università chiede a Graham di andare a lavorare con lui e, dopo un primo rifiuto, il vecchio Benjamin cede alla insistenza di Buffett e lo assume come analista. 💪

Fino al 1955 (anno di pensionamento di Graham) Warren Buffett lavora a stretto contatto con il suo mentore assimilando ogni più piccola informazione (in questo periodo Buffett compie operazioni molto redditizie, abbiamo parlato di una di esse sul cacao, ecco qui il link).

Nel 1956, dopo la chiusura della Graham-New per il pensionamento di Benjamin Graham, Buffett torna ad Omaha dove apre una piccola partnership con alcuni parenti e amici per il valore di 105.000 $. Buffett ricordando quel momento disse che lui mise solo 100 $ e il suo guadagno sarebbe stato pari al 25% degli utili superiori al 6%, ossia se il rendimento della partnership fosse stato dell’8% lui avrebbe preso lo 0.5% ((8%-6%) *25%).

La strategia utilizzata era basata principalmente sugli insegnamenti di Graham, comprare “mozziconi di sigaro”, ossia azioni che veniva scambiate ad un prezzo inferiore al loro valore contabile a prescindere dallo stato finanziario della società.

L’obiettivo di Buffett era quello di battere l’indice Dow di 10 punti su base annuale. Alla fine batté l’indice di 22 punti su base annuale. 💰

La partnership prosegui dal 1957 al 1969. Alla fine degli anni 60 le strategie iniziarono a non rendere più come un tempo, Buffett decise allora di liquidare la partnership e tenere sola la partecipazione di una società di nome Berkshire Hathaway. Si mise a gestirla con una visione completamente diversa, chiuse il reparto tessile e trasformò la società in una holding finanziaria.

Focalizzandosi sulla acquisizione di società che presentassero un vantaggio competitivo durevole a prezzi bassi (grazie alla pazzia di Mr. Market), Buffett è riuscito ad accumulare un portafoglio azionario straordinario che gli ha permesso di ottenere un rendimento medio annuo del 20% dal 1965 al 2020. 💪

Questo nuovo modo di operare rispetto all’inizio è dovuto all’incontro con un altro grandissimo personaggio del mondo della finanza, Charlie Munger. Munger convinse Buffett a tralasciare i “mozziconi di sigaro” e le strategie grahamiane e a concentrarsi sugli aspetti qualitativi di una società. Questi principi riflettono molto le teorie di Philip Fisher (di cui Buffett è un grande ammiratore).

Con il nuovo corso, Buffett portò la Berkshire ad essere una delle più grandi società finanziaria americane con una capitalizzazione di circa 650 miliardi di $ e con in portafoglio importanti partecipazioni in Coca Cola, American Express e Apple.

💰 Ad oggi il patrimonio personale di Warren Buffett supera i 100 miliardi di $. 💰

Buffett è anche famoso per la sua attività di filantropo. Nel 2006 ha donato quasi 37 miliardi di $ (la somma data in beneficenza più grande della storia) per una serie di progetti di aiuti nel Terzo Mondo. In più, ha dichiarato che al momento della sua morte il 99% del suo patrimonio sarà dato in beneficenza ad una serie di fondazioni benefiche.

🤔 Nella sua vita non tutto è andato in modo liscio e tranquillo. Nel 2004 perde la moglie dopo una malattia (cosa che colpisce Buffett duramente), nel 2012 gli viene diagnosticato un cancro alla prostata e dovrà seguire un percorso di trattamento e di guarigione molto pesante dal quale fortunatamente ne uscirà in salute. 💪

Warren Buffett è famoso anche per altri motivi. Oltre al fatto di stare lontano dai salotti della alta finanza considerandoli spesso folli (infatti una delle sue frasi celebri è “Wall Street è l’unico luogo in cui chi arriva in Rolls-Royce chiede consiglio a chi arriva in metropolitana.”), il suo vivere in modo molto modesto ha colto l’attenzione dei media. Vive ancora nella casa che ha comprato nel 1958 (per 31500 $) poco dopo essersi sposato, non ha autisti, e non ricerca lussi come ville, yacht o auto di lusso. Guida la sua macchina (fino a qualche anno fa era usata ma alla soglia degli 80 anni ha deciso di comprarne una nuova), mangia da Dairy Queen o Mc Donald e passa le serate a giocare a bridge. 😉

Ogni anno quasi 40.000 persone si recano ad Omaha per partecipare all’assemblea agli azionisti della Berkshire Hathaway. Questo evento è stato sopranominato dai giornalisti la “Woodstock del capitalismo”. A questa assemblea è possibile porre domande al vecchio Buffett e al suo socio Charlie Munger.

📉 Quest’anno, Buffett ha indicato come suo successore Greg Abel, l’amministratore delle società della Berkshire non assicurative. 📈

Ogni anno viene rilasciata la famosa lettera agli azionisti (potete trovarle a questo link) dove Buffett illustra l’anno trascorso ed espone i suoi criteri d’investimento. Negli ultimi anni queste lettere sono diventate sempre più corte ma sono sempre una fonte di consigli e informazioni illuminanti (quando viene pubblicata la lettera ad inizio anno il sito della Berkshire è preso d’assalto dagli utenti, tanto che certe volte non carica nemmeno). 😅

In tutto questo periodo di impegni Buffett ha trovato il tempo di sposarsi e mettere su famiglia. Sposato inizialmente con Susan Thompson nel 1952, ha avuto tre figli, Susie Jr (1953), Howard Graham (nel 1954, il secondo nome è in onore di Benjamin Graham) e Peter (1958). Separato nel 1977 ma mai divorziato, dopo la morte di Susie nel 2004, Buffett sposa Astrid Merks nel 2006.

Se volete approfondire la vita del vecchio Warren Buffett potete trovare decine di libri a riguardo. Tuttavia vi consiglio questi per avere una panoramica a 360°: 📚

Aggiungo anche i seguenti che secondo me sono molto interessanti:

  • “Il metodo Warren Buffett” di Robert Hagstrom.
  • “Warren Buffett. L’investitore intelligente” di Hélène Constanty.
  • “The Winning Investment Habits of Warren Buffett And George Soros” di Mark Tier.

Oltretutto, nel 2017 è stato girato un documentario sulla sua vita che vi consiglio caldamente (è in inglese ma ci sono i sottotitoli in italiano). Vi lascio il link.

Beh, che dire? Tantissimi auguri di buon compleanno al mitico Warren Buffett e a voi che possiate imparare e prendere ispirazione il più possibile da questo grandissimo mito della finanza che partendo dal nulla in una piccola cittadina americana ha costruito uno degli imperi finanziari più grandi della storia. 🥳 🎉 🎉 🎉

Buone letture e alla prossima da Mattia Tasca 👋👋👋

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *